3° Laboratorio

  • Ricostruiamo l'Aquilone
    i laboratori partecipati
  • Ricostruiamo l'Aquilone
    i laboratori partecipati
  • Ricostruiamo l'Aquilone
    i laboratori partecipati
  • Ricostruiamo l'Aquilone
    i labratori partecipati

Report 3° laboratorio – Il progetto del nuovo giardino, attività per la scuola e per il quartiere

Martedì 6 maggio si è svolto il terzo ed ultimo laboratorio partecipato per la progettazione del giardino della nuova scuola Aquilone. Genitori ed insegnanti, insieme all’Urban Center del Comune, hanno definito gli ultimi aspetti legati alla sistemazione dell’area esterna e hanno dato avvio a gruppi di lavoro finalizzati alla realizzazione di attività a favore della scuola.

Dopo questo incontro, il progetto del giardino, completo delle ultime indicazioni dei partecipanti, dovrà essere discusso all’ultimo incontro del Tavolo Scuola Città, al quale sono invitati i partecipanti dei laboratori e gli uffici competenti coinvolti. Una volta approvato l’Urban Center deve consegnarlo alla nuova Giunta Comunale e garantire un continuo aggiornamento sullo stato di avanzamento dei lavori relativi all’area verde.

progetto_giardino

La Mappa del nuovo Giardino
Il progetto presentato in plenaria dall’arch. Davide Manfredini, mostra le parti di cui si compone il giardino che circonda la scuola: una zona più ampia si affaccia sulla corte interna e delle sezioni laterali lunghe e strette diventano il prolungamento delle aule, per lo svolgimento di attività, giochi e merende all’aperto.

Una cupola di salice, una collinetta con tunnel e scivolo, la sabbiera, l’angolo della terra con vasi e vasche: queste sono alcune delle indicazioni inserite nella mappa e confermate in quest’ultimo laboratorio.

La tavola raffigurata contiene inoltre 3 indicazioni che le insegnanti hanno individuato come prioritarie e riportate al gruppo progetto nel corso di una riunione precedente al terzo laboratorio:

  • la necessità di una recinzione più sicura sul lato di viale Krasnodar;
  • la pavimentazione del patio e la tettoria corrispondente;
  • la parziale pavimentazione e divisione delle aree verdi laterali in corrispondenza delle sezioni.

Prima di immaginare il nuovo giardino è però importante sottolineare 3 aspetti:

il giardino richiede pazienza. La natura deve fare il suo corso, dobbiamo dare il tempo alle piante di crescere e non aspettarci un giardino lussureggiante già a settembre;
il giardino sporca. La scelta di un‘area verde con predominanza di elementi naturali e poco strutturata consentirà ai bambini di esplorare, giocare in libertà e perché no, anche sporcarsi;
il giardino è sperimentazione. Comincia l’avventura! Genitori, insegnanti e bambini vivranno insieme lo spazio verde valutando le scelte fatte per migliorarle o riprogettarle.

 

I Gruppi Progetto
Terminata l’illustrazione della mappa i partecipanti hanno lavorato in tre sottogruppi per raccogliere le ultime osservazioni e realizzare attività basate sulla collaborazione tra scuola e famiglie.
Un gruppo, dedicato all’organizzazione della festa di fine anno prevista il 10 giugno presso il container; un altro alla gestione, alla raccolta e alla vendita degli oggetti usati all’interno della manifestazione Piazza Aperta (organizzata dall’Isola del Tesoro in Piazza XXIV Maggio – zona Acquedotto) a cui parteciperà la scuola. Infine l’ultimo gruppo della cura partecipata dell’area verde finalizzato alla promozione di iniziative ed attività di manutenzione ed utilizzo condiviso del nuovo giardino da parte delle famiglie.

Relazioni

CITTADINANZA ATTIVA


Associazione Viale K
Gruppo informale “Il giardino in movimento”
Gruppo abitanti del Parco dell’Amicizia

SOCIETA' E IMPRESE


Punto 3
Coop Acli Coccinelle
Tryeco 2.0

SCUOLA E FORMAZIONE


CRUTA Unife
Scuola l'Aquilone

ORDINI PROFESSIONALI

P.A.


Istituzione servizi educativi per le famiglie
Ufficio Verde
Ufficio integrazione stranieri
Biblioteca Rodari
Settore opere pubbliche