La città che cambia – 2015

  • Esposizioni
    la Città che Cambia - 2016
  • La centralità del margine
  • la Città che Cambia - 2015
  • Esposizioni
    recupero della Palazzina dell’ex MOF
  • Esposizioni
    Eire – Expo Italia Real Estate
  • Esposizioni
    la Città che Cambia - 2014

Le idee degli studenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara
dal 17 luglio al 7 settembre 2015 presso il Salone d’Onore – Palazzo Municipale
dal lunedì al venerdì 9.00 alle 17.00 – ingresso gratuito

*** Inaugurazione mostra venerdì 17 luglio ore 11.00 ***


Progetti di riqualificazione urbana delle aree produttive dismesse della zona dell’ex Foro Boario di Ferrara

la_citta_che_cambia_2015_locandinaLa zona dell’ex Foro Boario appartiene alla struttura insediativa di via Bologna, costituita dai tessuti novecenteschi posti a sud delle Mura e del centro storico. E’ la principale espansione a sud della città, di composizione eterogenea, caratterizzata da insediamenti pianificati (dal “Piano Contini” dei primi decenni del XX secolo fino ai grandi PEEP del 1960-90) e dalle lottizzazioni private decennio situate lungo i margini delle due ferrovie Ferrara-Codigoro e Ferrara-Rimini.

La natura ibrida della struttura urbana ha comportato che agli insediamenti prevalentemente residenziali si sia sovrapposta la rete delle attività commerciali e terziarie, anche di livello sovracomunale.

L’abbandono delle attività del Foro Boario e la progressiva dismissione della linea ferroviaria Ferrara-Codigoro a favore della realizzanda Metropolitana di superficie affida a queste aree l’obiettivo di costituire una nuova ed inedita centralità per Ferrara.

Il tema della riqualificazione delle aree produttive dismesse si presenta come un programma di grande complessità perchè è chiamato ad affrontare tematiche inerenti la qualità dei fattori ambientali, della vivibilità, dell’accessibilità e dell’innovazione, su aree di grandi dimensioni, caratterizzate da forti contrasti socio-economici e diversi interessi pubblici e privati.

Uno scenario che rende quanto mai importante costruire momenti di informazione e approfondimento, così come percorsi partecipativi e di dialogo, capaci di stabilire un reciproco scambio tra i diversi attori del processo e di generare senso di appartenenza alla città.

In questa direzione, il lavoro svolto dagli studenti del Laboratorio di Urbanistica del Dipartimento di Architettura, incentrato sullo studio di soluzioni progettuali, è parso un’ottima occasione per offrire alla città un momento di riflessione sui possibili scenari di riqualificazione urbana, che l’amministrazione intende recepire in virtù del Protocollo d’Intesa che lega il Comune di Ferrara e il Dipartimento di Architettura per il conseguimento di comuni obiettivi nel campo dello studio e della ricerca delle azioni di riqualificazione e di rifunzionalizzazione delle aree urbane complesse.

Tra i ben più numerosi elaborati prodotti nel corso dell’ultimo anno accademico dal Laboratorio di

Urbanistica del Dipartimento di Architettura di Ferrara, alcuni di questi sono stati selezionati per raccontare la ricchezza di idee e di soluzioni emerse.

Si tratta di “esercizi” di urbanistica, liberamente condotti in un quadro di riferimento altamente teorico, svincolato dunque da tutti quelle condizioni strutturali e di contesto con cui invece i Piani Generali e di Settore  dovranno dimostrare di saper fare i conti.

Le proposte emerse costituiscono, al di là dei risultati tecnici conseguiti, un interessante contributo al processo di immaginazione “collettiva” che si deve generare intorno a trasformazioni urbane cosi importanti.

Mostra organizzata da:
Comune di Ferrara
Assessorato Urbanistica, Edilizia, Rigenerazione Urbana, Unesco
Servizio Pianificazione Territoriale Progettazione
èFerrara – Urban Center
Università di Ferrara Dipartimento di Architettura Laboratorio di Urbanistica