5bcat

Articolo a cura della classe 5^B CAT del 7 marzo 2017

b472407434ff6d572f2858a10167c05aDopo tre anni dalla partenza del progetto “Adotta un’aiuola”dell’Istituto “G.B. Aleotti”, che riguarda la riqualificazione di un’area verde pubblica delimitata da Via Barlaam, Via Leati, Via dello Zucchero e Via Giovanni Bulgarelli, si è realizzato il primo passo verso la concretizzazione dell’idea iniziale. Gli studenti della classe 5^B hanno avuto la soddisfazione di vedere in opera l’esecuzione del progetto.

Il primo passo verso il compimento dell’opera ha avuto luogo alla fine di Febbraio 2017 ed è stata la piantumazione di cinque querce, nel luogo in cui era stata pianificata la collocazione dei vari parcheggi.

Gli studenti e i loro docenti hanno visto concretizzarsi il frutto di tanto lavoro grazie all’Ufficio Verde del comune di Ferrara e all’Urban Center che, in seguito ad una richiesta da parte della nostra scuola ha deciso di piantare un albero per ogni pianta divelta nelle proprietà private dei cittadini ferraresi. La bella iniziativa fino ad ora è andata a vantaggio del parco “Bassani” (Parco Urbano) di Ferrara.

3674aad3e6b856f0a22f16e409a8dd93Con nostro grande stupore e incredulità il comune ha appoggiato fin dall’inizio un progetto nato fra i banchi di scuola, dimostrando grande volontà di accrescimento culturale dei propri cittadini e soprattutto unendo molto saggiamente l’utile al dilettevole, approfittando di questa opportunità per poter migliorare il proprio territorio.

Nella giornata di Venerdì 3 Marzo gli studenti accompagnati dai docenti Paola Di Stasio, responsabile del Progetto e Renato Bertelli, ingegnere che ne ha curato l’esecuzione grafica avvicendandosi negli anni con altri docenti, si sono recati nell’area verde per appurare che la piantumazione fosse avvenuta nei punti prestabiliti da progetto, e con elevata soddisfazione le misure prese sul campo sono congruenti con le misure del progetto.

Il progetto sta quindi iniziando a prendere forma, i primi passi di un lungo cammino sono stati compiuti e si presentano come rassicuranti sulle sorti del lavoro che ci ha impegnati per ben due anni, rendendoci fieri degli sforzi da noi effettuati.

Rachele Boarini, Marta Chiericati e Andrea Cazzanti


per maggiori informazioni sul progetto “Adotta un’aiuola” visita la pagina dedicata

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *