Conversazioni Cittadine

  • Ferrara Mia
    persone e luoghi non comuni
  • Ferrara Mia
    persone e luoghi non comuni
  • Ferrara Mia
    persone e luoghi non comuni
  • persone e luoghi non comuni

locandina_conversazioni_cittadine

CONVERSAZIONI CITTADINE

Una serata insieme a Danilo Dolci
– giovedì 31 marzo ore 19.oo –

Presso il Chiostro di Santa Maria in Vado
via Borgovado, 3 – Ferrara

Danilo Dolci, intellettuale e attivista tra i più importanti del dopoguerra italiano, per un anno intero, nel 1961, ogni giovedì sera dopo l’ora di cena, ha riunito in un locale di un quartiere siciliano un gruppo di braccianti, contadini e artigiani: semplicemente per parlare, per stare insieme. Parlare di fatti concreti e attuali o ragionamenti sui massimi sistemi: da un razzo lanciato sulla luna al battesimo di un figlio, dall’ idea di sviluppo al lavoro in campagna.

Come possiamo superare, passo dopo passo, l’enorme divario tra la realtà attuale e la realtà quale potrebbe essere? È la domanda sulla quale ci confronteremo giovedì 31 marzo, nel chiostro di Santa Maria in Vado. Aspettiamo chiunque abbia voglia di esprimere e condividere liberamente le proprie riflessioni sulla base della propria esperienza e scoperte personali, a partire dai propri interessi vitali.

 L’incontro dà avvio ai laboratori cittadini di Ferrara mia – persone e luoghi non comuni, un percorso partecipativo che è alla ricerca di gruppi e cittadini singoli attivi in azioni di cura delle persone e dei luoghi: a partire da se stessi, per il miglioramento della propria vita.

La proposta è quella di scrivere collettivamente una Carta dei beni comuni per la città di Ferrara, un Manifesto di principi, valori e azioni civiche congiunte. Una Carta per indirizzare, monitorare e sperimentare il nuovo Regolamento per il governo e la cura partecipata dei beni comuni, l’ oggetto decisionale del percorso partecipativo.

Un Regolamento che può e deve essere uno strumento concreto per favorire e non ostacolare le pratiche reali e quotidiane di costruzione e difesa dei beni comuni delle collettività, e che deve essere immaginato non soltanto come un testo giuridico a tutela dei cittadini e dell’amministrazione, ma come un vero e proprio processo di costruzione nel tempo di una macchina amministrativa e di una rete civica in grado di costruire insieme la nostra città.


Verbale dell’incontro

Clicca qui per la lettura completa


Foto


Video dell’incontro