Passo dopo passo l’obiettivo si fa sempre più vicino!
Questa mattina la Giunta Comunale ha approvato il nuovo Regolamento Comunale per la partecipazione nel governo e nella cura dei beni comuni (clicca qui) che abbiamo scritto insieme ai tanti cittadini che hanno partecipato al percorso Ferrara mia.
Dopo le feste natalizie il Regolamento verrà esaminato dalle commissioni consiliari competenti per poi passare allo step finale, il Consiglio Comunale.

Incrociamo tutti le dita!
Lo staff di èFerrara Urban Center

img_0116-copia


Approvato il nuovo “Regolamento per la partecipazione nel governo e nella cura dei beni comuni”

Principi fondamentali nel governo dei beni comuni sono la cura condivisa e la partecipazione dei cittadini nei processi decisionali. A sancirlo è il nuovo Regolamento comunale per la partecipazione nel governo e nella cura dei beni comuni che è stato approvato oggi dalla Giunta. Il documento è frutto del percorso partecipativo Ferrara mia, persone e luoghi non comuni che è stato condotto nei mesi scorsi dall’Urban Center del Comune di Ferrara, con il coinvolgimento di numerosi cittadini in incontri di discussione pubblica e attività di ascolto e confronto.

Oggetto del Regolamento è la disciplina delle relazioni tra l’amministrazione e la cittadinanza sul tema del governo partecipato dei beni comuni, nonché delle metodologie di ascolto e confronto per la presentazione di progetti e la raccolta di suggerimenti e istanze.

Tre gli ambiti di azione individuati dal Regolamento: la promozione di una costante attività su campo di ascolto, analisi e ricognizione, coerentemente con il principio guida individuato dalla Carta dei Beni Comuni; l’identificazione delle procedure e degli strumenti amministrativi per supportare le iniziative promosse dai cittadini singoli o da gruppi, differenziati in funzione del grado di complessità dell’azione proposta (attività spontanee, comunicazione, sottoscrizione di un Patto); e l’incentivazione del libero scambio e della condivisione di saperi, idee e relazioni attraverso un sistema pubblico di informazione e di comunicazione.

E’ prevista una fase di sperimentazione del Regolamento della durata di due anni dalla sua entrata in vigore, durante i quali il Gruppo di lavoro dovrà valutare i benefici concretamente apportati allo sviluppo della cura e gestione dei beni comuni e suggerire eventuali modifiche alle disposizioni regolamentari e all’organizzazione amministrativa. A tal proposito, nel contesto del percorso Partecipativo, sono state redatte anche le Linee guida operative per i primi due anni di sperimentazione (2017-2019) approvate anch’esse oggi in Giunta.

da CronacaComune del 20 dicembre 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *