4b CAT Istituto GB Aleotti

  • Ferrara Mia
    persone e luoghi non comuni
  • Ferrara Mia
    persone e luoghi non comuni
  • Ferrara Mia
    persone e luoghi non comuni
  • persone e luoghi non comuni
19425-NS6STN

Adotta un’aiuola

Gli studenti della III^ – attuale IV^ B CAT dell’Istituto GB Aleotti accompagnati dai docenti Paola Di Stasio, Luca Bondi, Renato Bertelli e Claudio Ghesini, nel gennaio 2015 si sono presentati all’Amministrazione con la proposta di ripensare l’utilizzo di un parco pubblico situato nei pressi della loro scuola.

Un’idea che è stata accolta con molto intesse dall’Amministrazione, tanto da far rientrare questo gruppo, composto da alunni e professori, tra le realtà accompagnate dall’Urban Center nell’ambito del progetto Ferrara mia.

Consapevoli del fatto che il Comune ad oggi non prevede risorse economiche per poter realizzare alcun tipo di intervento in quell’area, i giovani studenti si sono comunque cimentati in un’attività formativa che ha permesso loro di acquisire alcune competenze teoriche e pratiche utili per predisporre un’ idea progettuale.

progetto aleotti copia

L’idea progetto aggiornata al 5/2/16

Il contesto

Il parco  si trova vicino alla scuola, esattamente tra la Via Barlaam, Via Giovanni Bulgarelli, Via Leati e Via dello Zucchero.

contesto2
contesto1

Elementi progettuali

L’idea progetto prevede la suddivisione dell’area in tre macroaree:

  1. Un’area libera attraversata nella parte superiore da un percorso ciclopedonale, e che prevede pochi interventi sull’ esistente a meno del ripensamento nella collocazione degli arredi esistenti e dell’aggiunta di nuove panchine e giochi, si inseriscono infine due sentieri trasversali di attraversamento dell’area ricalcando le tracce dei sentieri spontanei già presenti.
  2. Un’area attrezzata dove è previsto l’inserimento di attrezzature sportive e di un’aula all’aperto che può essere utilizzata dall’Istituto Aleotti e da tutti i fruitori del parco, considerando non soltanto gli abitanti ma anche gli studenti del polo universitario poco distante.
  3. Un’area ristoro con la collocazione di un chiosco, a patto che il gestore dell’attività possa prendersi cura dell’area attrezzata e di parte del parco, mantenendone ovviamente l’apertura pubblica.

Le alberature esistenti sono tutte mantenute. Il titolo “Adotta un’aiuola” è l’invito che i ragazzi rivolgono agli abitanti di prendersi cura e vivere insieme a loro il parco, anche soltanto per piccole parti, a partire ad esempio da piccole “aiuole”.