1* Essere cittadini attivi a Ferrara

  • Insieme per la cura della città
  • Ferrara mia
    insieme per la cura della città
  • Insieme per la cura della città
  • insieme per la cura della città
  • Insieme per la cura della città

ESSERE CITTADINI ATTIVI A FERRARA
Cosa intendiamo quando parliamo di beni comuni?

Sabato 18 aprile presso la Sala della Musica si è svolto il primo di tre momenti pubblici del progetto Ferrara Mia, insieme per la cura della città, dal titolo “Essere cittadini attivi a Ferrara – Cosa intendiamo quando parliamo di beni comuni?”.

Nella prima fase dell’incontro i circa quaranta partecipanti sono stati suddivisi in quattro gruppi di lavoro ciascuno coordinato da due facilitatori che hanno guidato la discussione con l’obiettivo di favorire la conoscenza, la condivisione e lo scambio delle diverse esperienze e delle azioni virtuose che i presenti svolgono nella loro quotidianità.

Si è cercato di capire lo spirito, le criticità, le motivazioni e gli oggetti coinvolti nelle azioni contribuendo così a delineare un quadro condiviso dei beni comuni caratterizzanti ogni gruppo di discussione.

Nella seconda fase riuniti in plenaria di restituzione, i portavoce dei quattro gruppi hanno riportato le loro impressioni e condiviso i beni comuni emersi dalla discussione.

Successivamente è intervenuto ilprof. Alfredo Alietti del Laboratorio di Studi Urbani– UniFe, responsabile di una prima riflessione critica e trattazione sintetica dei contenuti emersi, che ha parlato del passaggio da luogo comune a bene comune, affermando come il primo acquisisca valore e possa arrivare ad essere considerato come il secondo solo grazie ai cittadini: un bene comune è veramente tale solamente se diviene uno spazio fruibile e vissuto dagli stessi cittadini che si impegnano con responsabilità per tutelarlo e mantenerne la cura.

In chiusura, l’arch. Zaira Sangiorgi per conto del gruppo progetto Urban Center ha illustrato lo stato di avanzamento di Ferrara mia, e nello specifico della raccolta delle iniziative di cittadinanza attiva e dei lavori del gruppo tecnico interno alla pubblica amministrazione che accompagna il percorso. I saluti finali sono spettati all’assessore all’urbanistica Roberta Fusariche ha ricordato i prossimi appuntamenti pubblici: il 15 e il 16 maggio presso il Mercato coperto in via Boccacanale di S. Stefano.

***Il prossimo incontro si aprirà con una condivisione della definizione dei beni comuni frutto delle motivazioni e dagli interessi espressi dai cittadini presenti il 18 aprile.***

Clicca qui per scaricare il report completo dell’incontro “Essere cittadini attivi a Ferrara”

 


Gallery